HomeTestimonianze
Testimonianze

A 50 anni dalla chiamata di Dio

Testimonianza di Juan García Inza, sacerdote diocesano di Cartagena (Murcia-Spagna, a 50 anni dalla sua incorporazione nella Società Sacerdotale della Santa Croce.

20 Febbraio 2014

La Società Sacerdotale della Santa Croce è un'associazione di chierici, intrinsecamente unita alla Prelatura dell'Opus Dei, alla quale attualmente appartengono circa 4000 soci. È composta dai sacerdoti della Prelatura e da presbiteri e diaconi diocesani. Il prelato dell'Opus Dei è il presidente della Società.

[continua a leggere...]

San Josemaría mi ha trasmesso la certezza che Dio è Padre

In occasione dell'anniversario del 14 febbraio 1930, quando Dio fece vedere a San Josemaría che doveva cominciare il lavoro dell'Opus Dei con le donne, presentiamo una testimonianza di Maddalena Vantini.

12 Febbraio 2014

In occasione dell'anniversario del 14 febbraio 1930, quando Dio fece vedere a San Josemaría che doveva cominciare il lavoro dell'Opus Dei con le donne, presentiamo una testimonianza di Maddalena Vantini. Veronese, avvocato, sposata con Gianluca, Maddalena ha 3 figli; appartiene alla prelatura dell'Opus Dei da circa 30 anni; nel 2011 ha lasciato la professione di avvocato per dirigere il Centro Scolastico Gavia.

[continua a leggere...]

Fare tutto per Dio

A. R., Finlandia

17 Dicembre 2013

Mi chiamo Anna-Riina, sono finlandese e ho 25 anni. Sto studiando teologia a Roma, in un corso di Storia della Chiesa all'Università della Santa Croce. Mi sono convertita al cattolicesimo tre anni e mezzo fa. Ora, come cattolica, sono molto contenta di studiare a Roma, in un ambiente cattolico e ricevendo ulteriore formazione per comprendere meglio i sacramenti ed approfondire la mia fede.

[continua a leggere...]

Raccolta di testimonianze dell'Anno della Fede

L'Anno della Fede termina domenica 24 novembre, festa di Cristo Re. In questi mesi abbiamo pubblicato diverse testimonianza di persone che hanno scoperto la gioia della fede. Raccogliamo qui le storie pubblicate.

19 Novembre 2013

L'Anno della Fede termina domenica 24 novembre, festa di Cristo Re. In questi mesi abbiamo pubblicato diverse testimonianza di persone che hanno scoperto la gioia della fede.

Raccogliamo qui le storie pubblicate.

[continua a leggere...]

L'immaginetta di San Josemaría e il lavoro di mio marito

H. I. L., Macao

7 Ottobre 2013

Mio marito lavorava da molti anni nel Dipartimento di Risorse Umane in un hotel internazionale, ma nel giugno del 2009 non gli rinnovarono il contratto e, nonostante avesse una grande esperienza lavorativa, riuscì ad avere solo due o tre colloqui di lavoro dopo aver inviato il suo curriculum ad altri hotel o compagnie simili. Dopo più di nove mesi continuava ad essere disoccupato e incominciò a scoraggiarsi.

[continua a leggere...]

Storia di un quaderno

Dalia, Lituania

20 Settembre 2013

Quante vie ci sono per arrivare sino a Dio? Tante quanti sono gli uomini sulla terra (Ratzinger, Joseph: Il sale della terra, ed. San Paolo). Con queste parole dell'allora cardinal Ratzinger voglio ricordare i miei passi fino ad oggi.

[continua a leggere...]

Vedo il mondo in modo nuovo

Mariam, Paesi Bassi

5 Settembre 2013

Sono nata in Iraq e sono vissuta lì fino a due anni, quando siamo fuggiti per la guerra e ci siamo stabiliti in Olanda. Ho vissuto lì fino ai vent'anni e poi sono venuta a vivere in Belgio per studio. Ho due fratelli. Mia madre è sempre stata cattolica, mio padre era musulmano e si è convertito al cattolicesimo nel 2004. Ha ricevuto il battesimo e in quel momento ci battezzammo anche io e i miei fratelli.

[continua a leggere...]

Dio mi si è fatto incontro finché non mi sono convinto

Francisco Rivas Buendia, Spagna

28 Agosto 2013

Il 26 luglio 2011 ero in volo verso la Polonia, con scalo ad Amsterdam. Ero in un Boeing 737-800, nel sedile centrale, mezzo addormentato, ascoltando della musica. Alla mia destra era seduto un signore, e alla mia sinistra una ragazza giovane, che era un po' preoccupata per problemi con il suo bagaglio. Il signore disse "che caldo!", e io assentii col capo. Una volta seduto, cominciò a dare un'occhiata al giornale e a fare commenti su quello che leggeva; a un certo momento vide un articolo sul film "There be Dragons", e mi domandò se lo avevo visto. Dopo essermi tolto le cuffie, gli dissi di sì, che era bello.

[continua a leggere...]

Dio ha sempre un piano B

A Juan Carlos piace dire che è di professione imprenditore. È nato ad Ávila nel 1974 e ha fatto il commerciante fin da giovane. Ha le tasche della giacca traboccanti di carte e i polsi pieni di braccialetti: ciascuno con una storia. "Non mi attraeva essere buono davvero, o piuttosto, credevo di esserlo già, e preferivo distrarmi e guadagnare soldi; però allora Dio mi fece sapere che, anche se io non avessi seguito il piano A, aveva per me un piano B".

21 Luglio 2013

A Juan Carlos piace dire che è di professione imprenditore. È nato ad Ávila nel 1974 e ha fatto il commerciante fin da giovane. Ha le tasche della giacca traboccanti di carte e i polsi pieni di braccialetti: ciascuno con una storia. "Non mi attraeva essere buono davvero, o piuttosto, credevo di esserlo già, e preferivo distrarmi e guadagnare soldi; però allora Dio mi fece sapere che, anche se io non avessi seguito il piano A, aveva per me un piano B".

[continua a leggere...]

Dal "cristianesimo sociologico" all'incontro con Dio

Pedro Luis García, Spagna

27 Giugno 2013

Alcuni anni fa arrivai a studiare all'Università di Navarra. Lì vivevo nel Colegio Mayor Belagua. Tutte due queste istituzioni sono opere corporative dell'Opus Dei. Fino ad allora io praticavo un "cristianesimo sociologico". Andavo soltanto a Messa la domenica, senza assolutamente comprendere la ricchezza di una fede e di una dottrina comune che non avevo avuto la fortuna di approfondire. Poco a poco, durante il mio soggiorno a Belagua ho scoperto un nuovo modo di vivere il cristianesimo. Lì ho conosciuto persone che testimoniavano con la loro condotta lo sforzo di seguire Gesù Cristo ogni giorno e trasmettevano la loro allegria agli altri. La coerenza con la quale vivevano la loro fede era un esempio. Nel mio caso, mi resi conto a poco a poco di quello che stavo perdendo: avevo un Dio vicino con il quale potevo condividere alcuni momenti della mia vita e Lui mi aveva amato e continuava a farlo ogni giorno.

[continua a leggere...]

Ho scoperto un mondo inesplorato

Dulce Rosa Pérez, Costa Rica

17 Giugno 2013

Anche se sono stata battezzata nella Chiesa Cattolica a 11 anni, ho ricevuto poca istruzione religiosa durante la mia infanzia e gioventù. Nonostante questo, il mio avvicinamento alla fede si è andato intensificando col tempo, e per questo Dio si è valso di varie persone che ho conosciuto in diversi momenti della mia vita.

[continua a leggere...]

Per noi la fede è come mangiare e bere

Intervista a Karin e Marco Hermans (Paesi Bassi)

9 Giugno 2013

Gli amici dei 5 figli di Karin e Marco non sono credenti e per i loro figli è un momento difficile. Come mai i vostri figli credono?
Karin: Non so, è un dono di Dio.

[continua a leggere...]

Medico con passione

“- Bambino. - Malato. - Nello scrivere queste parole, non senti la tentazione di usare la maiuscola?” (Cammino 419). Vedere nel malato il Cristo bisognoso cambia interiormente, nobilita il medico e lo porta ad essere nei confronti del malato -semplicemente - buono.

1 Giugno 2013

Dall’inizio del XXI secolo i tempi sono caratterizzati da un atteggiamento olistico e interdisciplinare della medicina. Da una parte tecnicizzazione, computerizzazione, introduzione delle nuove tecnologie e dei nuovi farmaci, spesso frutto della conoscenza sempre più approfondita dei processi fisiologici a livello molecolare, dall’altra un approccio sempre meno individuale - fino ad essere impersonale verso il paziente, hanno portato la società all'avversione e alla critica e alla creazione di movimenti, organizzazioni e associazioni di controllo e di revisione delle procedure mediche e delle relazioni tra medici e pazienti.

[continua a leggere...]

Il mio viaggio verso la fede

Saida Wangeci, Kenya

21 Maggio 2013

Dato che i piani di Dio non sono quelli degli uomini, mi piacerebbe raccontare il mio viaggio verso la fede cattolica. Mio padre era musulmano e mia madre cattolica. Si sposarono nella Chiesa Cattolica, ma mio padre continuò a praticare la sua religione e fece un accordo con mia madre, perché mantenesse la fede cattolica. In famiglia siamo quattro fratelli e io sono la più piccola. I primi tre furono battezzati nella Chiesa Cattolica da piccoli e hanno ricevuto gli altri Sacramenti. Mio padre era d'accordo, ma quando nacqui io pensò che era meglio che io aspettassi di essere adulta per decidere se essere cattolica o musulmana. Mia madre non era d'accordo, ma mio padre rimase molto fermo nella sua decisione. Tuttavia, mio padre mi lasciava accompagnare mia madre in chiesa, anche se mi disse di non frequentare il catechismo fino a che non scegliessi la mia religione.

[continua a leggere...]

Il messaggio di San Josemaría in coreano

Hijung Shin, Korea

17 Maggio 2013

Mentre ero all'università, negli Stati Uniti, un'amica mi diede una copia di Cammino. Era il primo libro di San Josemaría che leggevo. Mi toccò profondamente e volevo leggere dell'altro. Ho imparato molte cose dagli scritti di San Josemaría: come parlare con Dio, come curare le piccole cose, come amare la Chiesa... Soprattutto però posso dire che le sue parole mi hanno reso molto felice. Volevo condividere questa gioia con più gente possibile, soprattutto con la mia famiglia e con gli amici del mio paese di origine, la Corea.

[continua a leggere...]