San Josemaría
Testi di san Josemaría

Pensa

Tag: Preghiera
"Dio nel crearci ha corso il rischio e l’avventura della nostra libertà. Ha voluto una storia che fosse una storia vera, fatta di decisioni autentiche, e non una finzione o un gioco. Ogni uomo deve fare l’esperienza della sua personale autonomia, con quello che questo implica di casualità, di riflessione e, a volte, di incertezza".
Mons. Escrivá de Balaguer, ABC, 2-XI-1969


Pensa: chi non sarebbe coraggioso al cospetto di Dio, con l'eternità davanti a sé? Non c'è niente da perdere e, invece, molto da guadagnare. E allora, perché non ti lanci? Forgia, 459

Pensa quanto è gradito a Dio nostro Signore l'incenso che è bruciato in suo onore; pensa anche a quanto poco valgono le cose della terra, che appena cominciate sono già finite… Invece, un grande Amore ti aspetta in Cielo: senza tradimenti, senza inganni: tutto l'Amore, tutta la bellezza, tutta la grandezza, tutta la scienza...! E senza stancare: ti sazierà senza saziarti. Forgia, 995

Se ci sentiamo figli prediletti del Padre nostro che sta nei Cieli, e lo siamo!, come non essere sempre allegri? — Pensaci. Forgia, 266

Manca la gioia? —Pensa: c'è un ostacolo fra Dio e me. —Indovinerai quasi sempre. Cammino, 662

Mi dichiarasti, con aria spavalda e incerta: c’è chi sale e c’è chi scende... E c’è chi, come me!, è steso sulla strada. Mi ha dato tristezza la tua indolenza, e ho aggiunto: i pigri se li tirano a rimorchio quelli che salgono; e, di solito con più forza, quelli che scendono. Pensa quale pauroso fuorviamento ti stai procurando! L’ha già fatto notare il santo vescovo di Ippona: non avanzare è retrocedere. Solco, 165

Pensa agli altri

Lotta contro le asprezze del tuo carattere, contro il tuo egoismo, contro la tua comodità, contro le tue antipatie... Oltre al fatto che dobbiamo essere corredentori, il premio che riceverai — pensaci bene — sarà in strettissima relazione con la semina che avrai fatto. Solco, 863

Pensa agli altri, a coloro che ti sono vicini, stimandoli per quello che sono: figli di Dio, con tutta la dignità di questo titolo meraviglioso. Con i figli di Dio dobbiamo comportarci come figli di Dio: il nostro amore deve essere abnegato, quotidiano, ricco di mille sfumature di comprensione, di sacrificio silenzioso, di donazione nascosta. È questo il "bonus odor Christi" che faceva dire a quelli che vivevano tra i primi fratelli nella fede: Guardate come si amano! È Gesù che passa, 36

Il fratello aiutato dal fratello è forte come una città murata. —Pensaci un momento e deciditi a vivere la fraternità che sempre ti raccomando. Cammino, 460

Ti rimproverano? —Non t'arrabbiare, come ti consiglia la superbia. —Pensa: che carità hanno con me! Quante cose avranno taciuto! Cammino, 698

Pensa alla Chiesa

Pensa a tua Madre la Santa Chiesa, e considera che, se un membro soffre, tutto il corpo soffre. — Il tuo corpo ha bisogno di ciascuna delle sue membra, ma ciascun membro ha bisogno dell'intero corpo. — Guai, se la mia mano smettesse di compiere il suo dovere..., o se il cuore cessasse di battere! Forgia, 471

La santità — quando è vera — trabocca, per riempire altri cuori, altre anime, della sua sovrabbondanza. Noi figli di Dio ci santifichiamo, santificando. — Fiorisce intorno a te la vita cristiana? Pensaci ogni giorno. Forgia, 856

Pensa, perché è proprio così: quanto è buono il Signore, che mi ha cercato, che mi ha fatto conoscere questo cammino santo per essere efficace, per amare le creature tutte e dar loro la pace e la gioia! — Questo pensiero deve poi concretarsi in propositi. Forgia, 279